VUOI UN FIGLIO DI SUCCESSO?

La psicologa Julie Lithcott-Haims ha presentato la sua ricerca alle Ted Conference, conferenze targate USA per diffondere idee innovative nel mondo. Ha stilato i dodici comportamenti e le qualità che accomunano i genitori che vogliono ( e a quanto pare ottengono) figli in grado di diventare adulti di successo

Mi son detta : sono in tempo a impararli a memoria! 

Eccoli, dunque.

PRIMO COMANDAMENTO 

Fargli fare i lavori di casa. Dice Julie che se gli laviamo i piatti loro impareranno che qualcuno lo farà comunque per loro ( già temo crisi nella mamma italiana). I miei figli riordinano, si lavano, fanno malamente il letto, apparecchiano e sparecchiano, ma sul lavaggio stoviglie ancora non ci siamo. Va bene, posso rimediare. Magari iniziando col comprare un servizio di scorta…

SECONDO COMANDAMENTO

Le migliori abilità sociali le hanno i bambini che hanno frequentato la scuola materna. Contando che i miei sono stati lanciati al baby parking già a tre mesi, direi che ci siamo.

TERZO COMANDAMENTO 

Le aspettative dei genitori determinano il percorso scolastico dei figli. Bisogna pretendere il meglio.

Julie, sto un po’ deglutendo, te lo dico…

QUARTO COMANDAMENTO

Il livello di istruzione del genitore determina il percorso dei figli. Madre laureata, genera figlio laureato. Ok, sto aggrottando la fronte, e penso che ho un semplice diploma… Butta male.

QUINTO COMANDAMENTO 

Se insegni presto la matematica, in età prescolare per intenderci, il ragazzino avrà migliori capacità anche nella lettura. In matematica son sempre stata una capra. Mmmm…ok, andiamo avanti.

SESTO COMANDAMENTO

I primi tre anni di vita del bambino sono fondamentali e chi ha ricevuto grandi attenzioni in quel periodo, ha generalmente voti più alti a scuola. Beh, oddio, attenzioni ne ho date, ma, dannazione che ansia !

SETTIMO COMANDAMENTO 

L’adulto stressato o frustrato, stressa e frustra anche il figlio. Ora a Julie scrivo una mail e la invito a casa mia un pomeriggio. Se mi trasforma in Mary Poppins le compro anche il libro.

OTTAVO COMANDAMENTO

Grande beneficio lo hanno i bambini con mamme che lavorano fuori casa. Alle bambine serve per volere altrettanto, ai maschi per renderli responsabili in casa e verso i loro stessi figli. Fa un po’a botte col sesto e il settimo, ma… sull’ottavo sono preparata! 

NONO COMANDAMENTO 

Chi vive in una famiglia agiata ha più probabilità di successo. Va bene che siamo in America e le migliori scuole lì sono a pagamento. Però, insomma. Voglio piangere.

DECIMO COMANDAMENTO 

Bisogna insegnare ai bambini a essere determinati nel raggiungere i loro obiettivi. Consiglio a Julie di farsi un giro alle partite di calcio dei nostri pargoli per scoprire di cosa sono capaci certi genitori. Determinati. Sicuramente.

UNDICESIMO COMANDAMENTO 

Un bambino di successo deve avere un nome semplice e familiare. Ciao. I miei si chiamano Pier Carlo e Guglielmo. Game over.

DODICESIMO COMANDAMENTO

Chi ha successo sa dar valore al cibo. Chi mangia bene fin da piccolo, continua a farlo anche da adulto. E su questo, in effetti…

Quindi, amici genitori, riassumiamo.

I primi tre anni dobbiamo accudirli al massimo, poi dritti alla scuola materna. A quel punto si può lavorare facendosi vedere il meno possibile. Quel poco che stiamo a casa abbiamo da sorridere alla grande, buttar lì un po’ di matematica e controllare che in nostra assenza abbiano svolto le faccende domestiche. La sera, dopo aver rimboccato loro le coperte e infuso dosi di infinita determinazione, ci rimettiamo sui libri per prendere uno straccio di laurea. Se no non vale. Posto che i nostri figli si chiamino al massimo ” Luca”, abbiamo da farci un mazzo così per giungere a uno status economico degno di essere nominato tale. E mi raccomando. La spesa. Facciamola di notte, tanto ora ci sono i supermercati h24. E prendiamo solo roba sana, che alla prima merendina siamo fuori gioco.

Dottoressa Julie. 

Scusi, uso ancora una volta informalmente il suo nome. Ho letto bene tutto, eh. C’è qualcosa, ma giusto qualcosa, che non mi convince. E pensavo che sì, ha ragione, vanno sostenuti e incoraggiati, ma alla fine se avranno successo sarà merito loro.

Che poi Lei, alla fine, di che successo parla? 

Perché io, onestamente, se li potrò vedere adulti, mi accontenterei di ammirarli onesti e coerenti, diretti e sinceri, curiosi e interessati al mondo, capaci di usare la testa ( propria) cavalcando l’entusiasmo. 

Chi diventeranno non lo so. 

So che a me appassiona molto lasciarli fare, ma soprattutto, starli a guardare. 

E gioire per un traguardo, ancor più se fuori ( dalla mia) rotta. 

Annunci

9 thoughts on “VUOI UN FIGLIO DI SUCCESSO?

  1. buon giorno mia cara…sono un pochino contraria a volere un figlio di successo…i figli si educano sta poi a loro prendere la loro strada….nn mi piaccono le imposizioni ecco perché..baci

  2. Mamma mia che ansia, che poi qui a farci un mazzo così siam tutte ma non è che si può prescindere dalla natura di un figlio e dalle sue inclinazioni. C’è chi dice che come la fai sbagli .. e niente…speriamo di cavarcela !!

      • Hai mai letto ‘Un genitore quasi perfetto’ di B. Bettelheim? è il meno peggio di quelli che ho letto (ormai 17 anni fa) in pieno delirio da neopapà 🙂

      • A me a un certo punto sono arrivati in casa quelli delle tate televisive. Senza voler essere supponente, mi sono fermata alla copertina. Non riesco a seguire una ricetta per le torte, figurati un manuale per genitori… Limite mio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...