EMOTIONAL ADVICE 2 $

Metropolitana di New York. La domenica, Ciro Ortiz, undici anni, porta con se un tavolino e due sedie. 

Davanti a lui un cartello con su scritto : Emotional Advice ( consigli emozionali) 2 $.

Figlio di una poetessa e di un direttore di marketing di organizzazioni no profit, spiega che lo fa per rendersi utile agli altri dopo aver subìto bullismo a scuola. 

In breve tempo diventa ovviamente un piccolo fenomeno, anche perché le sue risposte sembrano convincere e tranquillizzare gli avventori.

Ma che gli chiedono gli adulti? 

Un po’ di tutto. Dai consigli amorosi a quelli sul lavoro. 

Ciro risponde con la semplicità e la schiettezza di un undicenne, senza grilli in testa. Il suo è un esperimento momentaneo, nei suoi progetti c’è il diventare un programmatore.

Mi ha incuriosita leggere le impressioni delle persone che si siedono al tavolino. 

Fare una domanda a un ragazzino e attendere la risposta, per poi ritrovarsi a dire che le parole di Ciro sono state illuminanti. 

L’undicenne ha fatto centro. 

Siamo così pieni di insicurezze, di dubbi, di tormenti a volte autoinflitti, che cerchiamo soluzioni ovunque. E ci stupiamo quando la risposta di un piccolo uomo, probabilmente la più semplice e cristallina, ci apre gli occhi. 

Si è persa l’abitudine all’ascolto. Si urla, si aggredisce, si abbaia. Lo si vede ovunque. Guidi in mezzo a gente che si sgola dentro la sua macchina. Fai la fila e si litiga. Si inveisce per qualunque cosa, specie da quando il confronto è sempre più virtuale e sempre meno umano

Non si è più capaci di dialogare, molto spesso con le persone che rappresentano i nostri affetti. Lo vediamo tutti in questi giorni. È quasi Natale, e discussioni familiari e vecchi attriti vanno a braccetto con gli antipasti di pranzi faraonici. 

Mi trovo in questo momento a pensare proprio a questo. Perché siamo ridotti così ? Perché ogni parola deve immediatamente irritare, alterare, creare rancori ? Di cosa dobbiamo sfogarci? Che delusioni abbiamo dentro? 

Il motivo è un vero motivo, o si ha solo paura di un gran nodo da sciogliere ?

Non è sicuramente un momento facile per nessuno. Ma è pur vero che lo affrontiamo urlando.

Urliamo tutto. Urliamo per la politica, ci gonfiamo di presunzione pensando di conoscere ogni cosa, sposiamo cause a suon di insulti, calpestiamo ancora tanto. Poi a volte scopriamo che al mondo succede qualcosa di terribile, e puliamo la coscienza condividendo un pensiero di fratellanza, scriviamo un “amen” sotto un post e stiamo meglio ” pensando “ di partecipare a un dolore. 

Ecco allora che ci serve un ragazzino. Per rimetterci i piedi per terra. Cinque minuti e due dollari per il verdetto. Candido e vero .

” Gli ho detto che non mi do pace perché mia moglie è diventata vegana, e io proprio non lo concepisco. Mi ha risposto che ognuno deve poter mangiare cosa vuole”.

Potere ai piccoli !

Non mi metterei a quel tavolo. Non per presunzione, sia chiaro, avrei sicuramente qualcosa da dire. Ma la mia strada, fatta anche di gran curve e molto buio, può procedere senza bisogno di un consiglio emozionale. Forse vorrei, ogni tanto, ritrovarmi undicenne a guardare la mia vita oggi. Da inguaribile visionaria, masticatrice di sogni, credo che sorriderei. 

“La paura che più hanno gli adulti è quella del cambiamento”, dice Ciro. Prova a spiegarglielo che si può, e che può essere meglio. Gli adulti cercano speranze? Forse quelle che hanno perso crescendo. 

Bravo Ragazzo. Se ti avessi davanti a me ti darei una carezza.

Si può fare del bello. Sempre.

Magari iniziando col sedersi al nostro personale tavolino, a riflettere. In silenzio

Annunci

2 thoughts on “EMOTIONAL ADVICE 2 $

  1. Verissimo, brava.
    Ci riflettevo anche io in questi giorni (ovviamente dopo avere urlato, dentro la mia macchina, a quelli davanti a me che dormivano…), ma tu hai descritto proprio ciò che avevo in mente (Ciro a parte, di cui non conoscevo la storia).
    Buon Natale a te e ai tuoi cari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...