Stefania vs Parrucchiera.

Avete presente Medusa? La figura mitologica che pietrificava chiunque la guardasse?

Ecco.

Io credo che gli antichi greci avessero pensato alle parrucchiere per inventarsela.

Una volta a settimana dedico un’ora del mio incasinatissimo tempo per recarmi dalla domatrice ufficiale dei miei capelli.

È matematico.

Se nasci con i capelli ricci vai a farteli stirare. Se nasci con gli spaghetti in testa ricerchi ogni pozione magica che te li arricci.

Beate noi donne! Mai contente …

Personalmente appartengo alla categoria “ testa a scopa di saggina”.

In sostanza, se avessi tempo e voglia, potrei far rinascere in qualche modo i miei ricci naturali. Ma poiché la sola vista di una spazzola in casa mi crea ulcera, mi rivolgo a chi pazientemente sa renderli magicamente setosi.

Se non facessi così, sembrerei probabilmente Tina Turner appena sveglia,

dopo un bagno turco,

in una giornata di pioggia tropicale.

Una favola, insomma.

Bene.

Ogni volta che varco il tempio del bigodino con fare baldanzoso, la mia curatrice d’immagine mi sorride e …

“Buongiorno! Allora… cosa facciamo oggi?”.

Per dovuta educazione, la guardo negli occhi e sorrido, ma ZAC! Medusa è in azione : sono di pietra.

Ora ditemi.

Voi, in quel dannato salone, valete qualcosa? La vostra opinione conta? Riuscite a decidere le vostre sorti capellifere?

No, io no. Da mai.

Partiamo dal taglio.

“Quanto vuoi tagliare caraaaa?”.

Lo chiede, ma le importa poco.

Ha già tutto in mente. Perché ha fatto il corso dal guru delle starssss e vuole subito sperimentare.

Nella mia banalissima esperienza da cliente, so esattamente quali sono i tagli che mi donano una meravigliosa faccia da idiota. Quali non riesco a gestire. Quali mi fanno la cofana. Ma soprattutto quali non mi piacciono.

Bofonchio qualcosa, disarticolando a stento anche i vocaboli più semplici. Spesso di fianco a me ho qualcuno che armeggia con foto sul cellulare: illuse…

La paziente apprendista tira fuori il “libro dei tagli”. È tutto tempo sprecato, un inutile teatro che mette alla prova chiunque.

Sfoglio il libro. Non c’è nulla di ciò che avevo in mente. Le modelle sono delle gnocche stratosferiche e io sono lì, con la mantella di Batman addosso, le occhiaie e i capelli crespi.

“Mah, pensavo…”.

Medusa mi fissa standomi alle spalle. Sembra il boia, con le fobici che fanno già vapore, e il canino che spunta dalle labbra.

“Adesso ti faccio un taglio nuovo, l’hanno presentato alla fiera di BelliCapelliDuemilaNovanta. Vedrai! Sarai uno schianto”.

Cosa vuoi dirle?

Andar via?

Se è ispirata, è ispirata…

In quei momenti penso una cosa sola: ricresceranno in fretta.

Santocielo ci siamo.

Prende ciocche apparentemente a caso e inizia l’ecatombe.

Quando ha finito, ma la sua sete di accorcio ancora non si è placata, afferra le forbici finte. Quelle che sembra non taglino e invece sfoltiscono anche la foresta amazzonica.

In men che non si dica, sembro il bosso del mio giardino…

“Stai beniiiisssiiimoooo”.

Faccio una smorfia. La piega darà sicuramente ragione a lei, al mondo e all’universo tutto, ma io, dentro, sono morta un po’.

Un altro momento tragico è il colore.

Anche la tinta ha il suo mantello, plastificato, con sauna annessa.

Colpi di luce e dimagrimento.

“Che colore facciamo tesoro?”

Ho in mano un altro libro. Gigante. Cartonato. Ci son su appiccicati dei capelli arrotolati e brillanti. Sotto, numeri e parole tipo rouge charme, beauty blond, cherry dream…

Scavo nella memoria. Ecco, ora ricordo: CINQUE! Fammi il cinque!

“Ma nooo! Il cinque è un naturale, non si vedrà nulla, qui dobbiamo scaldare, rivitalizzare, drappeggiare!”

Dice una serie di cose incomprensibili che manderebbero in crisi anche un monaco buddhista. Poi, pervasa dal sacro spirito di Giotto, chiama l’aiutante, brandendo la ciotola e inizia:

“Metti cinque del due, otto di sette, un tappo di polvere, tre di zero e quattro di nove”.

Nel dubbio, appunto tutto e poi me li gioco. Non si sa mai.

Parte il mescolamento. Sembra la preparazione di una maionese fotonica. Nel frattempo vengo rubata ai miei pensieri dallo spalmamento del grasso di balena sin nelle orecchie. Operazione del tutto inutile perché dopo pochi minuti ho tinta anche nell’anima.

Le tecniche per rendere meraviglioso il nuovo colore sono infinite, e vanno dall’attesa classica, al cellophane stile ananas, al casco della Nasa che scalda.

In ogni caso, prego che nel salone non entri nessuno che mi conosca.

“Facciamo anche due colpi di luce?”.

L’inizio della fine.

Altre scelte, caldo o freddo, tonalizzazione, punte o strisce, degradé, shatush… Ho visto un pazzo in tv che usa un’innovativa tecnica con i palloncini ad elio.

La mia parrucchiera fortunatamente non ha così tanta malvagità in corpo.

Siamo alla piega.

“Li facciamo un po’ mossi? Diamo un po’ di movimento?”.

Mah…

Nemmeno il tempo di elaborare, che ho becchi e pinze ovunque e inizia la strigliatura.

A fine piega, se chiedo di non passare la piastra agli ioni di Marte divento lo zimbello del salone.

“Mettiamo le gocce di rugiada del Nilo? O preferisci l’olio rilucente maximum?”.

Ogni volta penso che, dannazione! ho i capelli puliti, quindi perché diavolo ci devo metter su mille cose?

È solo un pensiero. Ha già schiacciato la pipetta, sta sfregando le mani e inizia a spettinarmi.

“Testa in giù ragazza!” e avanti frizioni.

Tutto il suo bel lavoro, scompigliato in un secondo.

Tiro su la testa, come nella miglior pubblicità dello shampoo e lei gira la sedia rotante verso lo specchio:

“Oh! Ci voleva proprio!”.

Sì.

Sì sì.

Non sembro io, ma sì.

Mi ci vorrà un mese a farci l’occhio, ma .

“Allora, ti piace?”.

Medusa in azione. La fisso, di pietra.

“Tantissimo”.

Pago.

Esco.

Secondo me piove.

Vado a comprare un cappello vah.

Ma no. Sto benissimo.

E poi tanto, ricrescono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...